Programmi

TENERE TESTIMONE
alla gioia e alla sofferenza del mondo

Ritiro della testimonianza di Auschwitz-Birkenau

Per oltre 20 anni abbiamo seduto insieme al posto di recinzioni e torri di guardia, 80-100 persone di diversa estrazione, provenienti da Bosnia, Ruanda, Israele, Palestina, Brasile, Russia, Germania, Polonia, Stati Uniti, insieme a membri delle Prime Nazioni. Più volte abbiamo imparato ad ascoltarci profondamente l’un l’altro, acquisendo un nuovo rispetto per la ricchezza della vita che nasce da storie e punti di vista diversi.

Nativo d'America: Ritiro del testimone

Zen Peacemakers ha condotto ritiri di testimonianza seguendo i principi di Non sapere, portare testimonianza e agire dal 1996 ad Auschwitz, in Ruanda e nelle Black Hills dal 2015. Questo programma è una continuazione di questa ricca eredità e parte della nostra dedizione a crescere in connessione con le comunità indigene di Turtle Island.

Race In America: un tuffo intimo

A febbraio 2021 Zen Peacemakers International ha lanciato un nuovo programma chiamato “Race In America: An Intimate Plunge”. Questo tuffo online di tre giorni è stato sviluppato da insegnanti ZPI, membri del consiglio di amministrazione e personale; portandoti presentazioni per gli ospiti, consiglio, servizi interreligiosi, materiali d’archivio e testimonianze.

Ruanda

Un gruppo internazionale di pacificatori Zen si è riunito per testimoniare il genocidio avvenuto nel 1994. In un periodo di 100 giorni, 800.000 – 1.000.000 di donne, bambini e uomini tutsi furono brutalmente massacrati. Il genocidio è stato il culmine di decenni di persecuzione e odio contro i tutsi, una tragedia profondamente impressa nella terra, nei cuori e negli spiriti del popolo ruandese. Nella nostra conversazione, Thérèse ha descritto come le vittime, e anche i colpevoli, siano ancora gravemente traumatizzate.

terra Santa

Ogni anno il giorno dell’Olocausto in Israele viene commemorato con una sirena, ascoltata in tutto il paese. Sono passati più di 70 anni e la nazione è in lutto, commemorazione e riflessione. Il giorno della memoria dell’Olocausto è sempre il primo evento che dà inizio alla narrazione ciclica completa del conflitto israelo-palestinese. Esattamente una settimana dopo, Israele commemora il Memoriale dei soldati uccisi nelle diverse guerre immediatamente seguito dal giorno dell’indipendenza israeliana. Come in uno specchio, questo ovviamente accende l’inizio della tragedia palestinese ricordata nel giorno della Nakba e nella lotta in corso contro l’occupazione e verso uno stato indipendente.

TENERE TESTIMONE
alla gioia e alla sofferenza del mondo

Auschwitz-Birkenau
Ritiro di testimonianza

Per oltre 20 anni abbiamo seduto insieme al posto di recinzioni e torri di guardia, 80-100 persone di diversa estrazione, provenienti da Bosnia, Ruanda, Israele, Palestina, Brasile, Russia, Germania, Polonia, Stati Uniti, insieme a membri delle Prime Nazioni. Più volte abbiamo imparato ad ascoltarci profondamente l’un l’altro, acquisendo un nuovo rispetto per la ricchezza della vita che nasce da storie e punti di vista diversi.

Nativo americano
Ritiro di testimonianza

Zen Peacemakers ha condotto ritiri di testimonianza seguendo i principi di Non sapere, portare testimonianza e agire dal 1996 ad Auschwitz, in Ruanda e nelle Black Hills dal 2015. Questo programma è una continuazione di questa ricca eredità e parte della nostra dedizione a crescere in connessione con le comunità indigene di Turtle Island.

Race In America: un tuffo intimo

A febbraio 2021 Zen Peacemakers International ha lanciato un nuovo programma chiamato “Race In America: An Intimate Plunge”. Questo tuffo online di tre giorni è stato sviluppato da insegnanti ZPI, membri del consiglio di amministrazione e personale; portandoti presentazioni per gli ospiti, consiglio, servizi interreligiosi, materiali d’archivio e testimonianze.

Ruanda

Un gruppo internazionale di pacificatori Zen si è riunito per testimoniare il genocidio avvenuto nel 1994. In un periodo di 100 giorni, 800.000 – 1.000.000 di donne, bambini e uomini tutsi furono brutalmente massacrati. Il genocidio è stato il culmine di decenni di persecuzione e odio contro i tutsi, una tragedia profondamente impressa nella terra, nei cuori e negli spiriti del popolo ruandese. Nella nostra conversazione, Thérèse ha descritto come le vittime, e anche i colpevoli, siano ancora gravemente traumatizzate.

terra Santa

Ogni anno il giorno dell’Olocausto in Israele viene commemorato con una sirena, ascoltata in tutto il paese. Sono passati più di 70 anni e la nazione è in lutto, commemorazione e riflessione. Il giorno della memoria dell’Olocausto è sempre il primo evento che dà inizio alla narrazione ciclica completa del conflitto israelo-palestinese. Esattamente una settimana dopo, Israele commemora il Memoriale dei soldati uccisi nelle diverse guerre immediatamente seguito dal giorno dell’indipendenza israeliana. Come in uno specchio, questo ovviamente accende l’inizio della tragedia palestinese ricordata nel giorno della Nakba e nella lotta in corso contro l’occupazione e verso uno stato indipendente.

Zen Peacemakers International
Giornale