I tre principi

I tre principi dei costruttori di pace Zen sono stati sviluppati e articolati per la prima volta da Roshi Bernie Glassman nel 1994. Da allora, sono stati studiati e praticati da molte persone, compresi i buddisti non zen, e presentati da molti Maestri Zen. Di seguito è riportato un articolo sui tre principi di Roshi Egyoku Nakao, abate del Centro Zen di Los Angeles , così come altri discorsi e riflessioni sui Tre Principi da parte di altri contributori.

Non sapendo

Non sapendo:
lasciar andare le idee fisse su te stesso, sugli altri e sull’universo.

Con un’applicazione regolare, la pratica dei Tre Principi può diventare un modo di vivere sempre dal centro. Sebbene i principi vengano presi in ordine quando li studi, la pratica non è necessariamente lineare. Ogni principio riflette gli altri; sono integrati senza soluzione di continuità l’uno nell’altro, fluendo come centro, circostanza e azione in un cerchio di vita in continua evoluzione e infinitamente vario.

Portare testimonianza

Testimonianza:
alla gioia e alla sofferenza del mondo

La pratica della testimonianza consiste nel vedere tutti gli aspetti di una situazione, inclusi i tuoi attaccamenti e giudizi. Non puoi vivere solo in uno stato di non-conoscenza, perché la vita ti chiede anche di affrontare le condizioni che ti vengono incontro essendo ad esse presente. Quando si rende testimonianza, ci si apre all’unicità di ciò che sta sorgendo e lo si incontra così com’è. Se combinata con il non sapere, la testimonianza può rafforzare la tua capacità di spaziosità, permettendoti così di essere presente proprio alle cose che ti fanno sentire come se avessi perso il tuo centro. Può rafforzare la tua capacità di ascoltare altri punti di vista, permettendo così di emergere un quadro più sfumato di una situazione.

Taking Action

Prendere l’iniziativa:
che deriva dal non sapere e dal rendere testimonianza

Il terzo principio è agire. È impossibile prevedere quale sarà l’azione in qualsiasi situazione, o il calendario per quando si presenterà o cosa potrebbe derivarne. L’intenzione di fondo è che l’azione che ne deriva sia un’azione premurosa, che serva tutti e tutto, compreso te stesso, nell’intera situazione.

A volte l’azione è semplice come continuare con la pratica dei primi due principi del non sapere e del testimoniare; la pratica stessa dei Tre Principi è di per sé un’azione premurosa. E sebbene l’azione che nasce dall’impegno di non sapere e di testimoniare sia spontanea e spesso sorprendente, si adatta sempre perfettamente alla situazione.

Per l’articolo completo, originariamente pubblicato su Tricycle: The Buddhist Review, Summer 2017, vol. XXVI, n. 4. segui questo link: triciclo.org .

Wendy Egyoku Nakao Roshi è l’abate della Centro Zen di Los Angeles , successore di Roshi Bernie Glassman e insegnante fondatore dell’Ordine Zen Peacemaker.

The Three Tenets

I tre principi dei costruttori di pace Zen sono stati sviluppati e articolati per la prima volta da Roshi Bernie Glassman nel 1994. Da allora, sono stati studiati e praticati da molte persone, compresi i buddisti non zen, e presentati da molti Maestri Zen. Di seguito è riportato un articolo sui Tre Principi di Roshi Egyoku Nakao, Abate del Centro Zen di Los Angeles, oltre ad altri discorsi e riflessioni sui Tre Principi di altri contributori.

Non sapendo

Non sapendo:
lasciar andare le idee fisse su te stesso, sugli altri e sull’universo.

Con un’applicazione regolare, la pratica dei Tre Principi può diventare un modo di vivere sempre dal centro. Sebbene i principi vengano presi in ordine quando li studi, la pratica non è necessariamente lineare. Ogni principio riflette gli altri; sono integrati senza soluzione di continuità l’uno nell’altro, fluendo come centro, circostanza e azione in un cerchio di vita in continua evoluzione e infinitamente vario.

TENERE TESTIMONE

Testimonianza:
alla gioia e alla sofferenza del mondo

La pratica della testimonianza consiste nel vedere tutti gli aspetti di una situazione, inclusi i tuoi attaccamenti e giudizi. Non puoi vivere solo in uno stato di non-conoscenza, perché la vita ti chiede anche di affrontare le condizioni che ti vengono incontro essendo ad esse presente. Quando si rende testimonianza, ci si apre all’unicità di ciò che sta sorgendo e lo si incontra così com’è. Se combinata con il non sapere, la testimonianza può rafforzare la tua capacità di spaziosità, permettendoti così di essere presente proprio alle cose che ti fanno sentire come se avessi perso il tuo centro. Può rafforzare la tua capacità di ascoltare altri punti di vista, permettendo così di emergere un quadro più sfumato di una situazione.

Taking Action

Prendere l’iniziativa:
che deriva dal non sapere e dal rendere testimonianza

Il terzo principio è agire. È impossibile prevedere quale sarà l’azione in qualsiasi situazione, o il calendario per quando si presenterà o cosa potrebbe derivarne. L’intenzione di fondo è che l’azione che ne deriva sia un’azione premurosa, che serva tutti e tutto, compreso te stesso, nell’intera situazione.

A volte l’azione è semplice come continuare con la pratica dei primi due principi del non sapere e del testimoniare; la pratica stessa dei Tre Principi è di per sé un’azione premurosa. E sebbene l’azione che nasce dall’impegno di non sapere e di testimoniare sia spontanea e spesso sorprendente, si adatta sempre perfettamente alla situazione.

Per l’articolo completo, originariamente pubblicato su Tricycle: The Buddhist Review, Summer 2017, vol. XXVI, n. 4. segui questo link: triciclo.org .

Wendy Egyoku Nakao Roshi è l’abate della Centro Zen di Los Angeles , successore di Roshi Bernie Glassman e insegnante fondatore dell’Ordine Zen Peacemaker.

Zen Peacemakers International
Giornale