Pratica quotidiana

Insegnamenti essenziali di Dogen

Gli antenati del Buddha hanno detto fin dai tempi antichi,
“Vivere per cento anni non è paragonabile a vivere per un giorno e suscitare determinazione per la via”.

Anche quando sei incerto, non usare questo giorno come uno spreco. È un tesoro raro da valutare. Non paragonarlo a un enorme gioiello. Non confrontarlo con la perla luminosa di un drago. I vecchi saggi valutavano questo un giorno più dei loro corpi viventi. Rifletti su questo con calma. Si può trovare una perla di drago. Si può acquistare un enorme gioiello. Ma questo giorno su cento anni non può essere recuperato una volta perso. Quali mezzi abili possono recuperare un giorno che è passato? Nessun documento storico ha registrato tali mezzi. Non perdere tempo significa contenere il passaggio di giorni e mesi all’interno della propria sacca di pelle, senza colature. Così saggi e saggi nei tempi antichi valutavano ogni momento, giorno e mese più dei loro occhi o della terra della nazione. Sprecare il tempo significa essere confusi e macchiati nel mondo fluttuante del nome e del guadagno. Non perdere lo scorrere del tempo significa essere in linea con il cammino.

Una volta che hai chiarezza, non trascurare un solo giorno. Pratica con tutto il cuore per amore della via e parla per amore della via. Sappiamo che gli antichi antenati del Buddha non trascuravano lo sforzo di ogni giorno. Dovresti riflettere su questo ogni giorno. Siediti vicino a una finestra luminosa e rifletti su questo, nelle giornate dolci e piene di fiori. Siediti in un edificio semplice e ricordalo in una solitaria serata piovosa. Perché il passare del tempo ruba il tuo impegno? Che tipo di nemico è il passare del tempo? Che peccato sprecare il tuo tempo a causa delle distrazioni. Se non conosci te stesso, non sarai in grado di essere il tuo alleato in questa grande impresa.

Dogen (1200-1253)

— Tratto da L’illuminazione si svela: gli insegnamenti essenziali del maestro zen Dogen , di Kazuaki Tanahashi (1999)

Istruzioni sulla meditazione Zen

La via del consiglio

Regola e precetti dei pacificatori Zen

I Tre Tesori, I Tre Principi, Le Dieci Pratiche, I Quattro Impegni e Il Voto del Bodhisattva servono come base per il lavoro e la pratica Zen Peacemaker. Si può proseguire gli studi con un insegnante e/o un precettore.

Gatha dell'espiazione

giorno di riflessione

Tutto il karma mai commesso da me fin dai tempi antichi,

A causa della mia avidità, odio e illusione senza inizio.

Nato dalle mie azioni, parole e pensieri.

Ora espio per tutto.

Rete di Indra

Di Bernie Glassman

Quando ci rendiamo conto di essere tutte perle luminose nella Rete di Indra, vediamo che in ognuno di noi è contenuto l’intero corpo dell’universo. Dal momento che siamo già tutti connessi alla rete di Indra, non ci sono limiti alle possibilità di connetterci con altre persone nelle nostre vite e nel nostro lavoro.”

Mala pratica

La pratica Mala dei Pacificatori Zen continua due eredità: la vecchia pratica buddista di chiedere l’elemosina e l’imprenditorialità creativa e anticonformista di Bernie Glassman

Caratteristiche delle cinque famiglie di Buddha

Le cinque famiglie di Buddha è un insegnamento buddista che suggerisce la visione dell’esistenza come un mandala, un composto di cinque energie principali o “famiglie” di Buddha. Ogni famiglia è unica, indispensabile e complementare alle altre. Ogni aspetto della realtà, ogni animale, persona, pensiero/parola/atto, conflitto, azione può essere visto come un composto dei cinque, ciascuno in diversi equilibri e livelli di costrizione o liberazione, illusione o realizzazione. Se viste in modo olistico, le energie potenziali realizzate e non realizzate possono essere individuate e invocate attraverso la pratica dei canti, la preghiera o la visualizzazione o altri mezzi creativi. Il grafico sottostante espone le caratteristiche di base delle cinque famiglie di Buddha.

Le cinque famiglie di Buddha è un insegnamento fondamentale nelle attività Zen Peacemakers. Il fondatore del Maestro Zen Bernie Glassman ha sviluppato ritiri di Bearing Witness e imprese sociali come Greyston, sulla base di questi insegnamenti, raggiungendo sempre un’articolazione più fine dei bisogni di coloro che serviva.

Porta Del Dolce Nettare

La fondazione della cerimonia della Porta del Dolce Nettare si basa sulla profonda connessione di Ananda con sua madre e sulla sua grande sofferenza in relazione alle sue prove nell’aldilà. Ananda, secondo la tradizione, andò poi dal Buddha per vedere se c’era qualcosa che poteva fare per aiutare sua madre. La Porta del Dolce Nettare era il dono del Buddha ad Ananda.

La cerimonia è un appello profondo per portare tutti gli aspetti di noi stessi e della società che non sono stati serviti, che non sono stati curati a manifestarsi proprio qui e proprio ora. Va alla radice del Buddismo stesso, che è salvare tutti gli esseri senzienti, comprendendo che siamo tutti il Buddha e che tutti soffriamo. È attraverso questo riconoscimento e attraverso la pratica dei 3 principi che vengono liberati tutti gli spiriti affamati.

Insegnamenti essenziali di Dogen

Gli antenati del Buddha hanno detto fin dai tempi antichi,
“Vivere per cento anni non è paragonabile a vivere per un giorno e suscitare determinazione per la via”.

Anche quando sei incerto, non usare questo giorno come uno spreco. È un tesoro raro da valutare. Non paragonarlo a un enorme gioiello. Non confrontarlo con la perla luminosa di un drago. I vecchi saggi valutavano questo un giorno più dei loro corpi viventi. Rifletti su questo con calma. Si può trovare una perla di drago. Si può acquistare un enorme gioiello. Ma questo giorno su cento anni non può essere recuperato una volta perso. Quali mezzi abili possono recuperare un giorno che è passato? Nessun documento storico ha registrato tali mezzi. Non perdere tempo significa contenere il passaggio di giorni e mesi all’interno della propria sacca di pelle, senza colature. Così saggi e saggi nei tempi antichi valutavano ogni momento, giorno e mese più dei loro occhi o della terra della nazione. Sprecare il tempo significa essere confusi e macchiati nel mondo fluttuante del nome e del guadagno. Non perdere lo scorrere del tempo significa essere in linea con il cammino.

Una volta che hai chiarezza, non trascurare un solo giorno. Pratica con tutto il cuore per amore della via e parla per amore della via. Sappiamo che gli antichi antenati del Buddha non trascuravano lo sforzo di ogni giorno. Dovresti riflettere su questo ogni giorno. Siediti vicino a una finestra luminosa e rifletti su questo, nelle giornate dolci e piene di fiori. Siediti in un edificio semplice e ricordalo in una solitaria serata piovosa. Perché il passare del tempo ruba il tuo impegno? Che tipo di nemico è il passare del tempo? Che peccato sprecare il tuo tempo a causa delle distrazioni. Se non conosci te stesso, non sarai in grado di essere il tuo alleato in questa grande impresa.

Dogen (1200-1253)

— Tratto da L’illuminazione si svela: gli insegnamenti essenziali del maestro zen Dogen , di Kazuaki Tanahashi (1999)

Istruzioni sulla meditazione Zen

La via del consiglio

Regola e precetti dei pacificatori Zen

I Tre Tesori, I Tre Principi, Le Dieci Pratiche, I Quattro Impegni e Il Voto del Bodhisattva servono come base per il lavoro e la pratica Zen Peacemaker. Si può proseguire gli studi con un insegnante e/o un precettore.

Gatha dell'espiazione

giorno di riflessione

Tutto il karma mai commesso da me fin dai tempi antichi,

A causa della mia avidità, odio e illusione senza inizio.

Nato dalle mie azioni, parole e pensieri.

Ora espio per tutto.

Rete di Indra

Di Bernie Glassman

Quando ci rendiamo conto di essere tutte perle luminose nella Rete di Indra, vediamo che in ognuno di noi è contenuto l’intero corpo dell’universo. Dal momento che siamo già tutti connessi alla rete di Indra, non ci sono limiti alle possibilità di connetterci con altre persone nelle nostre vite e nel nostro lavoro.”

Mala pratica

La pratica Mala dei Pacificatori Zen continua due eredità: la vecchia pratica buddista di chiedere l’elemosina e l’imprenditorialità creativa e anticonformista di Bernie Glassman

Caratteristiche delle cinque famiglie di Buddha

Le cinque famiglie di Buddha è un insegnamento buddista che suggerisce la visione dell’esistenza come un mandala, un composto di cinque energie principali o “famiglie” di Buddha. Ogni famiglia è unica, indispensabile e complementare alle altre. Ogni aspetto della realtà, ogni animale, persona, pensiero/parola/atto, conflitto, azione può essere visto come un composto dei cinque, ciascuno in diversi equilibri e livelli di costrizione o liberazione, illusione o realizzazione. Se viste in modo olistico, le energie potenziali realizzate e non realizzate possono essere individuate e invocate attraverso la pratica dei canti, la preghiera o la visualizzazione o altri mezzi creativi. Il grafico sottostante espone le caratteristiche di base delle cinque famiglie di Buddha.

Le cinque famiglie di Buddha è un insegnamento fondamentale nelle attività Zen Peacemakers. Il fondatore del Maestro Zen Bernie Glassman ha sviluppato ritiri di Bearing Witness e imprese sociali come Greyston, sulla base di questi insegnamenti, raggiungendo sempre un’articolazione più fine dei bisogni di coloro che serviva.

Porta Del Dolce Nettare

La fondazione della cerimonia della Porta del Dolce Nettare si basa sulla profonda connessione di Ananda con sua madre e sulla sua grande sofferenza in relazione alle sue prove nell’aldilà. Ananda, secondo la tradizione, andò poi dal Buddha per vedere se c’era qualcosa che poteva fare per aiutare sua madre. La Porta del Dolce Nettare era il dono del Buddha ad Ananda.

La cerimonia è un appello profondo per portare tutti gli aspetti di noi stessi e della società che non sono stati serviti, che non sono stati curati a manifestarsi proprio qui e proprio ora. Va alla radice del Buddismo stesso, che è salvare tutti gli esseri senzienti, comprendendo che siamo tutti il Buddha e che tutti soffriamo. È attraverso questo riconoscimento e attraverso la pratica dei 3 principi che vengono liberati tutti gli spiriti affamati.

Zen Peacemakers International
Giornale